Inaugurazione del Banco delle Opere di Carità di Settignano

Inaugurazione del Banco delle Opere di Carità di Settignano

Inaugurazione del Banco delle Opere di Carità di Settignano

Segno concreto di attenzione e cura

Settignano. È stato un sogno che è divenuto realtà quanto è avvenuto sabato 25 maggio in tarda mattinata a Settignano, comune di Atina. Dopo anni di impegno e perseveranza è stata inaugurata la sede del Banco delle Opere di Carità del Lazio. A moderare la semplice ma toccante cerimonia Tonino Bernardelli, il quale dopo aver brevemente introdotto il concetto di povertà e presentato la diffusione del fenomeno dati Istat alla mano, ha poi dato la parola ai presenti: al vescovo Gerardo Antonazzo, don Toma Akuino Teofilo, direttore della Caritas e Presidente del Banco, il sindaco di Atina dott. Adolfo Valente e il prof. Luigi Tamburro, che nel 1993, sull’esempio americano ha pensato di creare il Banco delle Opere di carità, un catalizzatore di tutti quegli aiuti che vanno dati a coloro che hanno bisogno di assistenza, di cui è Presidente nazionale.

È stato don Akuino, che dopo aver dato il benvenuto ai tanti presenti a testimonianza di una grande sensibilità dei volontari di vari enti, a spiegare come questa struttura sia stata un po’ “sognata insieme” al Vescovo e al prof. Tamburro. La Provvidenza di Dio ha poi voluto che la sede designata sia stata Settignano, un luogo facilmente raggiungibile. Oltre ai vari ringraziamenti a tutti coloro che hanno in qualche modo facilitato la realizzazione di questo progetto, don Akuino si è rivolto con gratitudine alla Cooperativa La Speranza, ente gestore della Caritas, alle altre cooperative e a tutti gli operatori zonali della Caritas che hanno sempre dimostrato grande disponibilità.

A prendere poi la parola è stato il sindaco di Atina, Adolfo Valente, il quale si è detto onorato di essere lì per la fondamentale importanza che riveste questa struttura, che altro non è che una consacrazione di ciò che tante associazioni fanno per essere ancora più vicino alle esigenze dei cittadini.

Toccante è stato l’intervento del prof. Luigi Tamburro, che ha sottolineato come ciò che si stava facendo altro non era che la festa di un popolo che si è formato piano piano grazie a un incontro di cuore tra tante persone. “Non sono le parole a cambiare il mondo e nemmeno le promesse, il mondo è cambiato dalle persone e dai gesti che compiono” ha detto. Il cuore è nell’incontro tra persone che, con un’umanità che va sostenuta e incoraggiata, si assumono la responsabilità di “un’impresa che fa carità”. C’è bisogno di una umanità nuova che sappia vivere davvero la carità, acquisire fiducia, reputazione, avere cura organizzativa. E qui ha sottolineato quanto davvero importante e speciale sia il ruolo dei volontari e quanto si potrebbe fare sviluppando le collaborazioni con gli enti locali.

A suggellare la manifestazione l’intervento del Vescovo Antonazzo, il quale ha esordito ricordando che ciò che fonda le motivazioni di ciò che noi facciamo sono i bisogni degli altri. “È bella la presenza dei vari sindaci e amministratori locali – ha detto – perché i poveri non li possiamo evitare, nessuno di noi può evitare i poveri, sia quelli che ci cercano ma ancor di più quelli che non ci cercano per discrezione, imbarazzo, per senso di riservatezza. Quindi questo lascia pensare che i bisogni sono molti di più di quelli che possiamo quantificare o numerare. È bello questo momento perché ci aiuta attraverso il Banco delle Opere di Carità a dare attenzione ai vari aspetti”. Il Vescovo si è ricollegato a quanto detto dal presidente Tamburro, che aveva parlato dello spreco alimentare e all’opposto della carenza di cibo, per cui il banco diventa una cerniera che risolve lo spreco e la carenza e con un incontro provvidenziale di aiuto evita il peccato dello spreco, realizzando un esercizio di carità che risponde alle carenze e colma le varie situazioni di precarietà. Don Gerardo ha poi descritto il ruolo fondamentale del volontariato nel provvedere attraverso strutture come il Banco delle Opere di Carità a quelle carenze e bisogni a cui tante volte le istituzioni non hanno saputo dare risposta. Ha poi sottolineato come il Banco abbia anzitutto il valore di segno profetico che testimonia la possibilità di agire concretamente e con una professionalità, correttezza, trasparenza, onestà di intenti. Di questi valori il Banco è stato nel corso degli anni testimone credibile, meritando la fiducia che gli è unanimemente riconosciuta.

Nell’invocare la benedizione del Signore, il Vescovo ha ricordato come l’esercizio della carità sia una delle vie maestre dell’evangelizzazione, cioè dell’annuncio di Gesù Cristo. Ciò richiede una conversione importante, cioè che si riconosca indistintamente nel volto di chiunque la presenza di Cristo, dove non ci sono né primi né ultimi, perché in tutti bisogna riconoscere la presenza del mistero di Cristo, come ricorda il Vangelo di San Matteo al capitolo 25.

La cerimonia è proseguita con la benedizione della targa con il nome e il logo del Banco, il taglio del nastro, la visita dei locali e si è conclusa con un momento di convivialità, con la condivisione di un ricco buffet preparato dai vari volontari.

Martina Torti

Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (1)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (2)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (3)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (4)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (5)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (6)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (7)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (8)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (9)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (10)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (11)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (12)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (13)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (14)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (15)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (16)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (17)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (18)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (19)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (20)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (21)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (22)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (23)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (24)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (25)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (26)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (27)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (29)
Settignano inaugurazione banco delle opere di carità (30)
Pastorale Digitale inaugurazione banco delle opere di carità (28)

L’articolo Inaugurazione del Banco delle Opere di Carità di Settignano sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.


Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




Rosanisco in festa con la Vergine del Carmelo

Rosanisco in festa con la Vergine del Carmelo

Gioia e festa con la Beata Vergine del Carmelo a Rosanisco

Un momento di intima preghiera, il 11 Luglio alle ore 20, per la Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo Gerardo Antonazzo per la novena in onore della Beata Vergine del Carmelo in Rosanisco, nel giorno della solennità di San Benedetto da Norcia.

Di seguito la Locandina dei festeggiamenti dedicati all’effige mariana, patrona della comunità di Rosanisco.

Locandina Rosanisco 2018

Rosanisco feta della Madonna del Carmelo 2018 (2)

Rosanisco feta della Madonna del Carmelo 2018 (1)

 

 

L’articolo Rosanisco in festa con la Vergine del Carmelo sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.


Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




4° Festa degli Oratori Estivi

4° Festa degli Oratori Estivi

A Canneto la quarta edizione della Festa degli oratori estivi

Gli oratori della diocesi si sono dati appuntamento nello scorso mercoledì per la quarta edizione della Festa degli oratori estivi. Per l’edizione annuale, come location dell’avvenimento è stata predisposta quella del Santuario di Canneto, indicata per le sue caratteristiche come scenario perfetto per una giornata di allegria, amicizia, preghiera, giochi e animazione. Gli oratori aderenti alla manifestazione si sono radunati presso il Santuario a partire dalle 10.30: tale orario era stato indicato per lo svolgimento della celebrazione della Santa Messa, presieduta dal vescovo Gerardo Antonazzo. All’evento hanno partecipato più di 700 presenti tra bambini, adolescenti, animatori ed adulti, tutti provenienti dalle vicine comunità di San Pietro, Cassino, Sant’Apollinare, Rocca d’Evandro, Aquino, Sant’Antonino, Atina, Santopadre e Sant’Elia Fiume Rapido.

La festa si è inserita all’interno del programma diocesano per le attività estive per bambini e ragazzi, che quest’anno segue il sussidio Yubi: quest’ultimo altro non è che un progetto educativo che mette al centro il tema dell’amicizia, seguendo come idea principale quella di pubblicizzare le modalità secondo cui creare una realtà educativa; tali spunti verrebbero trasmessi proprio attraverso la divulgazione di un film d’animazione, della durata di 70 minuti circa, intitolato I custodi delle luci e realizzato appositamente per gli oratori, le parrocchie e i campi scuola, come supporto all’attività di animazione e formazione del periodo estivo. Il tutto al fine di poter veicolare i valori cristiani e i messaggi educativi attraverso uno strumento narrativo di forte impatto, per creare un maggiore entusiasmo e coinvolgimento nei bambini e ragazzi raggiunti.

Proprio il tema dell’amicizia tende a legarsi con il concetto di Grazia di Dio, suggerito da papa Francesco nella Gmg del 2018: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio» (Lc 1,30). Nelle Scritture la grazia esprime l’atteggiamento di Dio nei confronti dell’umanità e di ogni essere umano e, dunque, descrive la sua attenzione e la sua cura per tutti i suoi figli, ovunque essi si trovino e da qualsiasi diversità essi siano caratterizzati. Tale concetto è stato ripreso nell’omelia dal vescovo Gerardo Antonazzo, il quale ha asserito come «potremmo dire che la Grazia è l’amicizia di Dio stesso, rappresentando dunque anche la forza che Egli dona alle donne e agli uomini per attraversare ogni paura e per divenire e rimanere amici tra di loro. Proprio alla luce della parola Grazia, i quattro verbi che sintetizzano il percorso formativo proposto dal sussidio – ossia incontrare, camminare, conoscere e scegliere – assumono un significato nuovo. Per i cristiani, infatti, è in Gesù Cristo che la Grazia si manifesta pienamente: ad ogni persona è rivolto l’invito a incontrare Gesù e il suo sguardo, camminando con Lui, conoscendo le Sue parole ed Suoi gesti e scegliendo, infine, di rimanere con Lui».

La festa degli oratori estivi ha rappresentato senza dubbio alcuno una grande occasione di comunione e riflessione, in un continuo conoscersi meglio nella scoperta di come le realtà oratoriali siano sempre più vive ed attive nelle tante comunità a servizio delle famiglie e dei più piccoli.

Festa degli oratori 2018 (1)

Festa degli oratori 2018 (2)

Festa degli oratori 2018 (3)

Festa degli oratori 2018 (4)

Festa degli oratori 2018 (5)

Festa degli oratori 2018 (6)

Festa degli oratori 2018 (7)

Festa degli oratori 2018 (8)

L’articolo 4° Festa degli Oratori Estivi sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.


Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




La Scuola di Formazione Teologica: La bellezza di un anno fruttuoso

Consegnati i diplomi agli alunni della Scuola di Formazione Teologica

Si è svolta la cerimonia di consegna dei diplomi e degli attestati per coloro che hanno frequentato il quarto anno della Scuola di Formazione Teologica, giovedì 28 giugno 2018, presso la chiesa di Santa Maria Assunta in Atina. Alunni e professori si sono incontrati nella piccola chiesa di San Marciano in Atina, ad attenderli il Vescovo Gerardo Antonazzo e mons. Domenico Simeone che ha fatto da cicerone ai presenti  illustrando le bellezze del luogo e fornendo una esaustiva ricostruzione storica degli avvenimenti.

La visita è proseguita nel museo archeologico, luogo ricco di elementi impiegati nella vita quotidiana dalle popolazioni che nell’antichità hanno vissuto nelle zone della Valle di Comino. Ci siamo poi recati al palazzo ducale nel quale abbiamo avuto la possibilità di visitare la splendida cappella di Sant’Onofrio, una piccola perla ricca di affreschi bellissimi.

Al termine della visita guidata ci siamo trasferiti presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta, qui guidati dal vescovo Gerardo, grazie al prezioso intervento del coro, abbiamo cantato i Vespri. Il Vescovo ha ricordato a tutti l’importanza delle figure di Pietro e Paolo per la Chiesa, ribadendo che, sempre, fino alla fine del mondo, la fede di Pietro è la fede della Chiesa e la fede della Chiesa è esattamente la fede di Pietro, ha invitato tutti gli studenti a tenerlo sempre presente. Paolo è stato il primo a vivere una chiesa in uscita, quando, spinto dallo Spirito Santo, ha capito di essere stato mandato per i pagani; la Chiesa deve essere aperta a tutti.

Dopo il momento di preghiera, in un clima di familiarità sono stati consegnati gli attestati ed i diplomi a tutti coloro che hanno concluso il ciclo di studi. Tutti erano visibilmente emozionati.

La serata si è conclusa con un gradevole momento di convivialità. Questa scuola ha dato tanto: nuove conoscenze, nuove amicizie sincere ma, soprattutto, un nuovo modo di affrontare la vita in comunione con i fratelli. La scuola ha permesso di crescere nella fede, rendendo i partecipanti sicuramente più capaci di affrontare le “sfide” che la Chiesa è chiamata ad affrontare.

Barbara Gentile

 

 

????????????????????????????????????

L’articolo La Scuola di Formazione Teologica: La bellezza di un anno fruttuoso sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.

Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




San Donato Val di Comino: Il sacramento della “Confermazione”

Conferito il sacramento della Confermazione ai ragazzi di San Donato Val di Comino

In occasione della festività della SS.ma Trinità, 27 maggio, si è svolto ieri alle ore 18 a San Donato Val di Comino il rito della Confermazione per 17 ragazzi della comunità parrocchiale Santa Maria e San Marcello.

Una cerimonia molto sentita, presieduta da Mons. Gerardo Antonazzo e concelebrata da Don Marcello Di Camillo e dal parroco di San Donato Val di Comino don Akuino Toma Teofilo. I giovani sono stati guidati nel loro cammino di fede dai catechisti Mario Mazzola e Rachele Camilli ed hanno svolto il loro ritiro spirituale, sabato 26 maggio, nella Basilica Santuario Madonna di Canneto.

Diego Acchione
Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (1)Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (2)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (3)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (4)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (5)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (6)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (7)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (8)

Confermazione San Donato Val Di Comino 2018 (9)

L’articolo San Donato Val di Comino: Il sacramento della “Confermazione” sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.

Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




Rosanisco: Festa della Famiglia

Festa della Famiglia

Nella Zona Pastorale di Atina

Domenica 29 aprile, presso la chiesa parrocchiale Santa Maria del Carmine di Rosanisco, le famiglie della Zona Pastorale di Atina si sono ritrovate per fare FESTA! Il pomeriggio è iniziato con un momento di preghiera presieduto dal Vescovo Mons. Gerardo Antonazzo e caratterizzato da una profonda partecipazione. Tema centrale, ovviamente, la famiglia, culla della vita e dell’amore, cellula fondamentale della società e bene prezioso per tutta la Chiesa. Le coppie si sono alternate nella lettura di brani tratti da testi biblici e discorsi di Papa Francesco, intervallata da canti e preghiere, che hanno coinvolto tutta l’assemblea. Sono stati consegnati, inoltre, gli attestati di partecipazione ai fidanzati che hanno seguito l’itinerario di fede in preparazione al matrimonio in questo anno pastorale.

Nonostante le avverse condizioni metereologiche, la Festa è continuata nei locali della parrocchia, dove si è potuto assaporare il piacere di condividere le esperienze, ascoltare della buona musica, deliziarci con del buon cibo offerto da tutti i partecipanti.

Il Gruppo Giovani parrocchiale, come sempre impegnato nell’animazione, ha regalato ai più piccoli un pomeriggio all’insegna del divertimento. Insieme, abbiamo vissuto la gioia di fare Famiglia!

Lorenza Tammelleo

Gurda le Foto: >> CLICCA QUI << – Enrico Maria Coppola

L’articolo Rosanisco: Festa della Famiglia sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.

Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




Canneto: Solenne apertura del Mese Mariano

 

La Basilica Santuario della Madonna di Canneto

Grande affluenza nella Basilica Santuario Madonna di Canneto in Settefrati, molti fedeli si sono riversati ai piedi della “Vergine bruna”. A presiedere la solenne celebrazione il Vescovo Gerardo Antonazzo e, con splendida sorpresa per la prima volta, alcune delle compagnie che solitamente salgono in agosto nei festeggiamenti. Il rettore del santuario, don Antonio Molle, ha ricordato a tutti la straordinaria devozione che avvolge questo mistico luogo.
Il Vescovo ha ricordato come: «la pietà popolare fa cambiare la nostra vita compiendo un cammino che si trasforma in esercizi spirituali».

 

Guarda L’Album fotografico: >> CLICCA QUI <<  – Foto di Tonino Bernardelli

L’articolo Canneto: Solenne apertura del Mese Mariano sembra essere il primo su Diocesi Sora Cassino Aquino Pontecorvo.

Source: DIOCESISORA IT | Notizie Vescovo




I seminaristi all’Oasi

I seminaristi all’Oasi

Il Vescovo Gerardo e i seminaristi fanno visita all’Oasi Mariana Betania di Alvito

Il 24 dicembre è stato un momento di intensa comunione e di gioiosa festa per i seminaristi, giunti insieme con il Vescovo Gerardo  Antonazzo all’Oasi Mariana Betania, ad Alvito, accolti da don Alberto Mariani e  alcuni membri della comunità da lui fondata. Dopo una breve presentazione dei seminaristi e il saluto del Vescovo, don Alberto ha raccontato la storia dell’Associazione, mostrando la sua funzione nella Chiesa.

I seminaristi hanno manifestato grande interesse e hanno posto alcune domande sull’organizzazione, sulla vita e sulla vocazione dell’Oasi. Dopo l’incontro fraterno si è condiviso il pranzo e la gioia di trovarsi intorno alla stessa mensa, come fratelli, cui ha fatto seguito il dono di alcune pubblicazioni dell’Oasi a ciascuno degli ospiti. Non è mancato il rito delle “dieci Ave Maria”, che sin dall’inizio dell’esperienza Oasi viene vissuto da chi arriva per la prima volta, rivolgendosi alla Madonna raffigurata in una piccola statua, che benedice dal suo inizio la vita dell’Oasi, essendo stata trovata su una parete di una piccola stanza del vecchio casolare che si trovava sul luogo dove poi è sorta la casa Oasi.

Oasi Mariana Betania